una scelta di esperienza

A chi mi rivolgo

Adolescenti


" L’adolescente, e il suo desiderio di essere contemporaneamente come tutti gli altri e come nessun altro. "  

(Jacques Drillon)

Le nuove generazioni portano con sé il desiderio di non essere invisibili alla loro comunità di appartenenza, di contare qualche cosa.  Il successo riconosciuto nello sguardo dell’altro è la nuova dipendenza che si sostituisce a quella familiare.

L’adolescenza è una fase di grande impatto per i ragazzi e anche per i genitori.

La mia attività come psicologo è finalizzata ad affiancare i ragazzi nel percorso evolutivo, in tutti i suoi aspetti di complessità; a supportare i genitori nella loro fondamentale funzione, fornendo loro strumenti per poter comprendere ed essere competenti nel vivere tale periodo con i loro figli e, nel caso, suggerendo e aiutandoli a mettere in atto interventi adeguati rivolti alla famiglia.

a-chi-mi-rivolgo-adolescenti

Adulti

a-chi-mi-rivolgo-adulti

"Nei primi trent'anni di vita ti fai le tue abitudini, nei secondi trent'anni sono le tue abitudini che fanno te." 

(Proverbio Indù)

L’età adulta è composta da numerosi periodi che, insieme, ne costituiscono l’inizio, la pienezza e il passaggio alla maturità-vecchiaia.  Esperienze di vita frequenti in questa fase di vita possono essere:

  • le relazioni sentimentali
  • la convivenza o il matrimonio
  • la nascita dei figli
  • il ruolo di genitori
  • il lavoro
  • le relazioni sociali
  • le separazioni
  • i lutti

Affrontare queste esperienze non è sempre naturale, né semplice: esse sono spesso causa di grandi difficoltà e di crisi personali.  Ciascun periodo della vita adulta con gli accadimenti, i sentimenti e le emozioni che li caratterizzano, comporta impegni, cambiamenti e obiettivi personali con i quali confrontarsi.

Il lavoro psicologico che svolgo con un adulto è rivolto alla uscita dalla crisi, ad aggiornare l’immagine si sé, a riconoscere, accettare e usare utilmente le proprie emozioni; a orientarsi verso il cambiamento per stare al meglio nel proprio presente e nella propria vita.

Coppie


" Il filo che lega due persone deve essere molto elastico per non rompersi. " 

(Mogol)

La relazione di coppia è soggetta a numerose influenze e, nel tempo, i partner possono provare crescenti difficoltà e disagi per la presenza di dinamiche di coppia disfunzionali originate da problemi mai pienamente risolti o affrontati in modo da tamponare la situazione senza risolverla.

Tra i principali problemi tipicamente si trovano quelli legati alla comunicazione, alla conflittualità e alla relazione tra i partner, alla sessualità, al tradimento, al post parto, alla genitorialità.

Nel lavoro con le coppie, indipendentemente dall’orientamento di  genere e sessuale, il mio primo obiettivo è  creare un nuovo luogo di relazione per i due partner dove poter esprimere opinioni, sentimenti, difficoltà in modo libero e diverso rispetto agli ambienti ordinari di vita comune. 

Quando entrambi i partner sentono di condividere questo spazio, diventa allora possibile orientare l’azione terapeutica alla condivisione delle reciproche aspettative e motivazioni che li hanno portati alla terapia di coppia. Li supporto quindi nell’elaborare una loro visione comune dei problemi, nella riscoperta delle proprie risorse e nella ricerca di un nuovo equilibrio di coppia e personale.

a-chi-mi-rivolgo-coppie

Terza età

a-chi-mi-rivolgo-terza-età

" Le rughe della vecchiaia formano le più belle scritture della vita, quelle sulle quali i bambini imparano a leggere i loro sogni. "  

(Marc Levy)

Negli anni della maturità si tende a riflettere sul senso della propria esistenza, sulla propria realizzazione, su eventuali aspetti da cambiare. Altre volte si riflette di meno e si reagisce con una negazione della realtà. È anche l’età del pensionamento, quindi un periodo di turbolenze e di sfide, in cui le persone devono trovare il modo di adeguarsi ai propri cambiamenti e a quelli nel mondo esterno.

Nella fase della vecchiaia, invece, sono generalmente più rilevanti le modificazioni nel fisico, nei cinque sensi, nell’autonomia quotidiana, nella memoria e negli altri aspetti cognitivi.

Quando lavoro con persone in questa fase di vita, la mia attività è orientata a favorire il loro miglior adattamento alle nuove situazioni interne ed esterne, a valorizzarne le capacità residue e risorse, a potenziarne l’auto-efficacia nel raggiungere il benessere bio-psico-sociale.

Parallelamente tengo nella giusta considerazione l’eventuale presenza di malattie o di psicopatologia (es. patologie tipicamente correlate all’età anziana, disturbi dell’umore, disturbi d’ansia, deficit cognitive e demenze) e ne prendo in carico i risvolti psicologici e sociali con modalità specifiche.

Consultazione gratuita

Prenota un colloquio conoscitivo

potrai fare esperienza del mio modo di lavorare, fare domande, raccontare ciò che ti porta  a cercare uno psicologo e capire se iniziare un percorso con me. Il colloquio, senza impegno,  potrà avvenire di persona o con video chiamata, lo decideremo insieme.

Torna su